top of page

TRATTAMENTI

DI MEDICINA ESTETICA

Iniezione Lip Botox

FILLER LABBRA

In medicina estetica, l’aumento volumetrico delle labbra è una delle richieste che avvengono più frequentemente. Oltre a consentire di avere un risultato più soddisfacente, l’utilizzo del filler permette di effettuare

il trattamento senza ricorrere all’anestesia locale: tutto quello che ci si limiterà a dover sopportare sarà un lieve fastidio generalmente ridotto

al minimo grazie all’applicazione di una pomata anestetica e alla presenza di anestetico locale all’interno del filler stesso.

Il trattamento volumizzante per labbra è indicato per pazienti che presentano: labbra oggettivamente sottili svuotate, labbra asimmetriche, con importanti differenze di volume tra labbro superiore e labbro inferiore.


La tendenza della medicina estetica è quella di rispettare proporzioni

e fisionomia delle pazienti. Il risultato sarà quindi naturale, ed elegante.

Il mondo dei fillers labbra è in continua evoluzione, la sostanza attualmente più utilizzata e sicura è l’acido ialuronico, prodotto anche dallo stesso organismo e del tutto biocompatibile. Il filler viene iniettato dove necessario per conferire tono, volume e rimodellamento delle labbra in modo graduale. Erroneamente si pensa a risultati innaturali e labbra rifatte definite ”a canotto”. 

La giusta tecnica tiene conto viceversa dell’ovale del viso ed i risultati saranno assolutamente naturali e non artificiosi.

BOTULINO

La tossina botulinica è un farmaco che permette di inibire temporaneamente l’azione dei muscoli del volto riducendo la formazione delle rughe d’espressione.

Dal batterio Clostridium Botulinum derivano sette tipi di tossina botulinica (A,B,C1,D,E,F,G). Quelli utilizzati e presenti attualmente

in commercio sono il tipo A ed il tipo B.

 

La tossina botulinica, in medicina, venne inizialmente utilizzata per prevenire gli spasmi muscolari delle palpebre e per correggere lo strabismo, ma dal 1987 cominciò ad essere utilizzata in gran parte degli Stati Uniti d’America anche nell’ambito della chirurgia estetica.

In Italia l’uso della tossina botulinica è stato autorizzato dal ministero della salute nel 2004.

Il prodotto viene iniettato in piccolissime dosi nelle regioni interessate mediante una siringa dotata di ago sottilissimo.
Non richiede alcun tipo di anestesia ed è praticamente indolore.
Il trattamento dura pochi minuti, non lascia postumi visibili

che possano impedire l’immediata ripresa delle attività quotidiane.


Il farmaco, inibendo temporaneamente l’azione dei muscoli mimici del volto consente di ridurre la formazione delle rughe d’espressione. L’effetto di rilassamento dei muscoli mimici e l’attenuazione delle rughe inizia dopo circa quattro giorni dal trattamento e dura circa 4 mesi, dopodiché è possibile ripetere il trattamento periodicamente. 

Chirurgia plastica
Schermata 2022-01-12 alle 18.48.17.png

BLEFAROPLASTICA
NON CHIRURGICA

La blefaroplastica non chirurgica è una metodologia innovativa adatta a ridurre l’eccesso di cute palpebrale senza bisturi e con l’utilizzo della sola anestesia locale. Per questa metodica si utilizza  uno strumento di ultima generazione ed è una tecnica innovativa che accorcia la cute in eccesso delle palpebre senza doverla incidere per asportarla. Generalmente si procede mediante anestesia topica (con pomate a base di lidocaina), non necessita di sutura e permette

di accorciare la pelle senza incidere e senza modificare il muscolo orbicolare delle palpebre. Si differenzia dell'intervento tradizionale poiché non asporta l'eccesso di pelle, ma si limita ad accorciare

la cute palpebrale in eccesso, sublimandola e riportando quindi

la quantità di cute allo stato precedente.

BIOSTIMOLAZIONE

Il trattamento medico della biostimolazione ha lo scopo di stimolare biologicamente le cellule dermiche del volto, del collo, del décolleté

e delle mani affinché tornino ad avere un aspetto ringiovanito.

Le indicazioni cliniche sono l’invecchiamento cutaneo, smagliature, lesioni distrofiche della pelle.

È utile effettuare i primi quattro trattamenti ad una frequenza quindicinale. Al trattamento d’attacco ne seguirà uno di mantenimento, con una frequenza bimestrale.

Massaggio rilassante
DSC_0168.jpg

La carbossiterapia è una terapia medica che consiste nella somministrazione di gas [CO₂] a livello sottocutaneo o intradermico per scopi terapeutici, attraverso micro-iniezioni localizzate per mezzo

di sottilissimi aghi da 30G comunemente usati in mesoterapia.

Diversi studi scientifici hanno dimostrato che la carbossiterapia migliora l’elasticità cutanea, riattiva la micro-circolazione locale, stimola le fibre collagene e rompe la membrana dell’adipocita con conseguente effetto lipolitico e lipoclasico, senza danneggiare il tessuto connettivo, i vasi e le strutture nervose circostanti.

L’anidride carbonica viene prodotta naturalmente dal nostro corpo, pertanto, non risulta tossica anche in dosi elevate e viene smaltita a livello fisiologico. Dopo un singolo trattamento normalmente il gas viene riassorbito in 5/10 minuti.

CARBOSSITERAPIA

È un trattamento di medicina estetica che si effettua in ambulatorio e ha lo scopo di correggere inestetismi e imperfezioni della pelle del viso.

Il risultato è un viso ringiovanito e fresco.

 

Quando viene ferita, l'epidermide mette in moto meccanismi di riparazione cellulare. Il microneedling crea quindi micro lesioni vicino a rughe o cicatrici, che attivano la produzione di collagene ed elastina contribuendo alla rigenerazione dei tessuti. Viene generalmente associato a somministrazione topica di acido ialuronico di cui ne favorisce l’assorbimento oppure a peeling.

Lo strumento che si utilizza  per effettuare il trattamento in ambulatorio,

è una sorta di penna elettrica con la punta formata da molti sottilissimi aghi, che vengono fatti penetrare ad una profondità variabile da 0,25 mm a 1,5 mm. L’azione degli aghi, che penetrano in una posizione perpendicolare alla pelle, permette all’epidermide di attivare i processi

di rigenerazione senza sottoporla ad uno stress lacerativo, come invece avviene con l’altro strumento, il roller.

Al termine del micro-needling, che ha una durata variabile a seconda dell’estensione dell’area su cui si interviene, la pelle risulta arrossata e si avverte una leggera sensazione di bruciore. Entrambi i sintomi svaniscono in un paio di giorni. Il trattamento di microneedling è consigliato per:

  • Rilassamento e invecchiamento cutaneo;

  • Linee sottili e rughe;

  • Décolleté;

  • Rughe del labbro superiore (codice a barre);

  • Mani.

MICRO NEEDLING

Applicazione Micro Needling

È un filler dermico innovativo costituito da biomateriali il cui profilo di sicurezza e le prestazioni tecniche sono ben assodate nella pratica clinica e godono di un ottimo riscontro in letteratura.

L’idrossiapatite di calcio è costituita da un componente derivato dall’osso che può essere metabolizzato dall’organismo ed i suoi cataboliti sono ioni di calcio e fosforo.  Il prodotto è composto per il 30% da microsfere di idrossiapatite di calcio e per il restante 70% da un gel di idrossimetilcellulosa. Da un punto di vista tissutale, dopo l’iniezione, le particelle del prodotto inducono una risposta istiocitica e fibroblastica, fungendo da impalcatura per la formazione di nuovo tessuto e stimolando la formazione di collagene ed elastina intorno all’impianto sostenendo così miglioramenti estetici.

 

Da un punto di vista volumetrico, invece, il prodotto ha l’interessante pregio di non essere igroscopico ossia di non richiamare acqua.

Questa caratteristica permette ad un operatore esperto nel suo utilizzo, di andare a posizionare la quantità appropriata di prodotto esclusivamente nelle zone che hanno perso volume senza rischiare ipercorrezioni.

 

A fine trattamento il risultato sarà, quindi, il ripristino dei volumi, la ridefinizione di zone quali mento e profilo mandibolare ed ultimo aspetto, ma non meno importante la biostimolazione dei tessuti che continuerà per almeno 6/8 mesi.

RADIESSE

Before and After
bottom of page